venerdì 6 settembre 2013

Recensione - Racconti del terrore

Allora, Creature, questa recensione è davvero complicata da scrivere perché si tratta di recensire una serie di racconti... Se avete seguito il blog e quindi letto il tag per libro-dipendenti saprete che entrambi i miei racconti preferiti sono stati scritti da questo autore e che entrambi sono presenti in questo volume (si tratta di: il gatto nero e la mascherata della morte rossa). In fatti, ancora una volta, non mi hanno delusa!


Titolo:Racconti del terrore
Serie: Auto-conclusivo (della collana live newton compton)
Autore: E.A. Poe
Prezzo: 0,99
Pagine: 125
Editore: Newton Compton
Data di Pubblicazione: Prima edizione in questa collana, Marzo 2013










Trama: Ogni racconto di Poe è un inquietante biglietto di sola andata per il cuore profondo dell'orrore. "Non c'è racconto degno di questo nome se dalla prima parola non suscita l'interesse del lettore che deve giungere all'ultima riga per comprendere la soluzione finale", scriveva Baudelaire.
Le dieci storie di questa raccolta, tra cui i celeberrimi il gatto nero e il cuore rivelatore, sono proprio così: capolavori indimenticabili nei quali il macabro si allea col delitto, l'incubo con la follia, l'amore con la morte. Sono un labirinto, una pianta carnivora che non lascia più la preda; il lettore che, anche solo per caso, si lasci attirare dalla prima parola, non può più tirarsi indietro.


Ok, non è che su un libro così corto ci sia molto da dire... non si può nemmeno parlare della trama perché sono vari racconti! Davvero mi sto scervellando per arrivare a una conclusione...
I racconti mi sono piaciuti, non  tutti, ma in generale li ho apprezzati. Non fanno paura per niente, quindi se è questo il problema che avete col libro, potete pure togliervi il cerotto! Più che paura è semplicemente inquietudine... comunque non certo da tenerti sveglio la notte.
Forse è per questo che mi ha ispirato le tre stelle, perché, nonostante già conoscessi lo stile di Poe, mi aspettavo di avere molta più paura. 
Ovviamente Il gatto nero non mi ha deluso! Quello mi ha fatto addirittura piangere (lo ammetto... -.-) ma non di tristezza, di rabbia... se anche voi l'avete letto di certo avrete capito con chi e per quale motivo mi sono arrabbiata. Avevo una voglia pazza di far fare al protagonista la stessa fine del gatto!
Si, beh... comunque ho trovato il libro carino, a volte ovviamente mi sono fermata un attimo a riflettere su qualche vocabolo dato lo stile di Poe, ma a chi non è successo?
Quindi questa era una specie di mini-recensione... o semplicemente quello che mi è venuto in mente pensando al libro.

Nessun commento:

Posta un commento

Lasciate un segno del vostro passaggio, ne ho bisogno per capire quali post preferite :3